Grano saraceno germogliato essiccato

grano saraceno germogliatovegan

crudistasenza glutine

 

 

 

Ecco una preparazione raw davvero interessante!
Preparare il grano saraceno germogliato essiccato è un’operazione semplice e il risultato è davvero goloso, la germinazione attiva i nutrienti e rende i semi più completi sotto il profilo nutrizionale. I semi possono essere poi mangiati freschi, oppure essiccati a bassa temperatura per renderli croccanti e per poterli conservare più a lungo.
Il procedimento che vedremo attiva i nutrienti senza arrivare alla germogliazione vera e propria, poco indicata per il grano saraceno.

Il grano saraceno apporta calore al corpo, il suo consumo infatti viene consigliato nella stagione invernale, “non-cucinato” come vedremo qui sotto, invece, si presta anche al meraviglioso periodo della primavera e dell’estate. E’ un buon alleato nei momenti di stanchezza, ridona vitalità grazie al suo elevato contenuto di minerali e al suo alto valore proteico. Aiuta a conservare l’elasticità dei vasi sanguini e migliora il microcircolo.

INGREDIENTI
500 gr di grano saraceno
acqua

PROCEDIMENTO
Mettiamo il grano saraceno in un colino e laviamoli molto bene sotto l’acqua corrente. Versiamoli in una ciotola e copriamo con acqua fredda, lasciamo in ammollo per un’ora. Ora scoliamo i chicchi e lasciamoli dentro il colino, appoggiando quest’ultimo dentro una ciotola per permettere all’acqua in accesso di uscire. Copriamo con un telo e lasciamo germogliare per 8 ore.
Trascorso questo tempo vedrete che il chicco sarà cresciuto di volume, ma non sarà ancora germogliato. I chicchi possono essere mangiati già così e si conservano in frigorifero per qualche giorno, saranno morbidi e il loro sapore è gradevole e delicato.

ESSICCAZIONE
grano saraceno germogliatoStendete i chicchi sui ripieni dell’essiccatore, se avete dei ripiani con dei buchi grandi mettete sotto della carta da forno. Fate partire l’essiccazione… 12 ore a 40°C. Una volta terminato mettete i chicchi in un vaso di vetro con chiusura ermetica, si conservano anche per qualche mese. Avrete ora dei chicchi croccanti dal sapore gradevole e delicato.

Se non avete un essiccatore potete utilizzare un forno, impostatelo alla minima potenza e lasciate lo sportello leggermente aperto. Il consumo in corrente purtroppo non ha paragoni, un essiccatore a 40°C consuma come una lampadina accesa, un forno tradizionale sicuramente di più.
L’alternativa può essere utilizzare i termosifoni in inverno e il sole in estate… sicuramente più ecologico e conveniente 🙂

grano saraceno germogliatoCOME SI USA
Il grano saraceno germogliato è davvero molto versatile e arricchisce molti nostri piatti. Può essere aggiunto alle insalate, allo yogurt e al porridge. Può essere un ingrediente di tutto pregio in alcuni dolci e nei pani, sia crudisti che non.
Insomma… l’ingrediente lo avete, ora serve solo la fantasia!

 

Grano Saraceno - Semi Germogliati
L'essenza del Crudo
Crudo & Felice
Insalate per Tutte le Occasioni - Creazioni ispirate
Essiccatore Biosec Domus B5

2 Responses to “Grano saraceno germogliato essiccato

  • Wooow interessantissimo grazia, ho sempre visto su sorgentenatura diversi tipi di germogli biologici però non avendo tanta fantasia e non essendo una cuoca provetta non sapevo mai come utilizzarli. Sarebbe bello riuscire a farli in casa seguendo il tuo procedimento, ma io sono una vera frana a fare queste cose, anche se la tua spiegazione sembra molto semplice. Grazie mille 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clicca e seguici anche qui!

Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://www.unmondobio.it/grano-saraceno-germogliato-essiccato
YouTube
YouTube
Instagram