Seleziona una pagina
Insalata che bontà

Insalata che bontà

L’insalata spesso è vista come un contorno… due foglie, ma no, anche una sola, non vorrei esagerare! 🙂

Questa ricette è molto semplice, ma vuole riaccendere in voi il fuoco del gusto semplice e manipolato il meno possibile… un piatto sano e completo. Ironico vero che il freddo dell’insalata possa accendere un fuoco vero?

 Ma dobbiamo davvero fare un passo indietro e riscoprire i gusti autentici… senza insaporitori, coloranti, conservanti… cibo vero, semplice e genuino!

 

INGREDIENTI

  • 250-300 gr di insalata cicorino verde e rossa
  • 100 gr di puntarelle fresche (le puntarelle sono le giovani catalogne, il loro “cuore”)
  • 2-3 carote
  • 1 pezzo di daikon
  • 3 cucchiai di lupini
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • Olio evo
  • Limone o aceto

PROCEDIMENTO
Mondate e lavate il cicorino, asciugatelo con la “centrifuga” (il normale lava-insalata che girando elimina l’acqua in eccesso). Tagliatelo grossolanamente e mettetelo in una capiente insalatiera. Lavate e tagliate a rondelle le carote e il daikon e a striscioline le puntarelle e aggiungete il tutto all’insalata.

Fate tostare i semi di sesamo in un pentolino e lasciateli raffreddare.

Nel frattempo togliete ai lupini la pellicola esterna. Aggiungete quindi il sesamo e i lupini alla ciotola. Condite con un cucchiaio di olio e del limone appena spremuto.
In alternativa potete utilizzare un pochino di aceto e fare della salsine a vostro piacere seguendo la ricetta “salsine 4 sapori”.

Questa dose può essere mangiata tranquillamente da una sola persona, accompagnando il pasto con del pane integrale tostato o delle gallette di riso avremo un pranzo davvero ottimo!

 

La Dieta Senza Muco Oggi
Con un'appendice a cura di Stefano Momentè - Seconda edizione
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere
Digiuno Razionale
Per il ringiovanimento fisico, mentale e spirituale
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
Fruttalia
Come attivare le innate capacità di guarigione del nostro corpo
Voto medio su 19 recensioni: Buono

Potrebbero interessarti anche…

Hummus e crudités

Hummus e crudités

INGREDIENTI

  • 250 gr di ceci già cotti
  • 2 cucchiai di tahin
  • 1 cucchiaio di acidulato di riso (è possibile sostituirlo con l’aceto di mele)
  • il succo di 1 limone
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • ½ spicchio di aglio
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di paprika
  • verdura cruda a scelta

PROCEDIMENTO
Mettete nel frullatore gli ingredienti e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo. Mettete l’hummus in una ciotola e servite con delle verdure lavate e tagliate a listarelle.

Buon appetito!

Questo piatto è davvero fresco e gustoso… servire un piatto ricco di colori e bello da vedere ci farà sicuramente digerire meglio! Grazie al Tahin questo piatto si trasforma in una carica di calcio!

Consiglio: il tahin è una crema di sesamo di uso comune nella cucina mediorientale. Il sesamo è ricchissimo di calcio e sali minerali, è nutriente e contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue. Può essere utilizzato anche da solo e spalmato sulle fette biscottate per una colazione sana e nutriente

Potrebbero interessarti anche…

Gomasio

Gomasio

INGREDIENTI

  • 10 cucchiai di semi di sesamo
  • 1 cucchiaino di sale integrale fine

PROCEDIMENTO
Preparare il gomasio è estremamente semplice… vediamo come si procede!
Mettete 10 cucchiai di semi si sesamo in un colino e sciacquateli molto bene sotto l’acqua fredda, lasciateli scolare per qualche minuto e poneteli in un pentolino. I semi devono tostare a fuoco basso, non devono bruciare, mescolateli spesso con un cucchiaio di legno.
Vi accorgerete  che sono pronti quando sentirete il profumo del sesamo che inonda la cucina, verificate mescolandoli con un cucchiaio da tavola…se non si attaccano significa che sono pronti!
Travasateli in un suribachi. Mettete ora il sale nel pentolino e fatelo tostare per qualche minuto. Spostate anche il sale nel suribachi e con il surikogi fate dei movimenti circolari al fine di sminuzzare il sesamo schiacciandolo contro le pareti zigrinate. Proseguite fino ad ottenere circa l’80% dei semi smizzuti. Conservate in un contenitore di vetro.

Suribachi e surikogi: il suribachi è un mortaio zigrinato in ceramica, ne esistono di dimensioni differenti ed è ideale per tritare e amalgamare i semi. Viene utilizzato con l’apposito pestello in legno, il surikogi. Non utilizzate il frullatore per realizzare il gomasio, la sua energia è troppo forte, troppo yang

Sesamo: il sesamo è ricchissimo di calcio e ferro, ha proprietà alcalinizzanti sul sangue ed è un potente disintossicante. Utilizziamo quindi il gomasio per condire i nostri cereali e le nostre verdure, oltre ad essere buonissimo ci aiuterà anche a consumare meno sale!

Il “vero” gomasio è preparato con i semi di sesamo e il sale, ma noi possiamo dilettarci con innumerevoli varianti…possiamo aggiungere altri semi alla preparazioni, oppure delle alghe tostate o della frutta oleaginosa

Surikoji - Pestello in Legno
Pestello in legno da utilizzare con il mortaio in ceramica Suribachi
Voto medio su 57 recensioni: Da non perdere

Potrebbero interessarti anche…

Pin It on Pinterest

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi